LIFE AFTER TELEVISION · OGNI ONDA UN TEMA NUOVO · LIBRI, FILM E MUSICA PER TE




www.lafeltrinelli.it: acquisto di libri, film e musica nella libreria online la feltrinelli

Giorgio Gaber

Biografia Giorgio Gaber Il "Signor G" era il nome affettuoso con cui veniva chiamato Giorgio Gaber, grande cantautore, attore e commediografo italiano. Gaber è stato il primo interprete dalla canzone rock in italia. Nato a Milano ma con origini slovene e goriziane, "Giorgio Gaberscik", inizia a dedicarsi alla musica per un'educazione motoria della mano, compromessa a causa di un infortunio. Comincia quasi per gioco dunque a suonare la chitarra e già all'età di quattordici anni viene scritturato per suonare ad un veglione di capodanno, riscuotendo una paga di 1000 lire. Nel 1954 inizia a suonare nel gruppo "Ghigo e gli arrabbiati" con Luigi Tenco; nel 1958 viene portato al successo con la canzone "Ciao ti dirò", lanciata anche da Adriano Celentano. Gaber inizia delle relazioni artistiche con Enzo Jannacci (con il quale forma il duo "I due corsari"), Giorgio Calabrese e Gian Piero Reverbi e Paolo Tomelleri.

La sua carriera si divite tra palco teatrale, sala prove e televisione. Partecipa a quattro edizioni di Sanremo con "Benzina e cerini" (1961), "Cosi felice" (1964), "Mai, mai, mai" (1966), "E allora dai!" (1967). Al Festival di Napoli, nel 1966, si classifica al secondo posto con il brano "'A pizza". Nella vita privata, Gaber si sposa con Ombretta Colli, nel 1965 e nel 1966 nasce Dalia, la loro unica figlia.

Gaber passa dall'immagine di cantastorie gentile ad uno stile più diretto, con cui rivendica il diritto di esprimere le problematiche dell'uomo, senza dover per forza fare il buffone di corte per il pubblico. Esprime il disagio del suo tempo, impegnato e aggressivo. Il recital "Il Signor G" inizia nel 1970 nel Piccolo teatro di Milano, e lo porta a girare in numerose piazze italiane. In teatro Gaber si trova più libero e a suo agio, i suoi testi, scritti da lui in collaborazione con l'amico Sandro Luporini, sviluppano molti temi sociali e politici, spesso contro corrente; Gaber si oppone alle ipocrisie sia della destra che della sinitra italiana. Con il suo intervento, nella storia della musica e del teatro italiano, è stato capace di combinare l'ironia alla melodia. Tutti hanno voluto etichettarlo invano politicamente, ma lo sguardo di Gaber è sempre stato sulla socertà, la politica e il costume italiano, con un profondo spirito critico che colpiva in modo ironico e amaro qualsiasi ideologia. Oltre che alla riflessione sul piano politico e sociale, il grande Gaber ci interroga anche come persone: pensiamo alle riflessioni intime e ad un tempo universali contenute nel monologo "Il grigio", o alla splendida canzone "Quando sarò capace di amare", splendida sintesi dei nostri limiti di uomini del nostro tempo e della voglia di amare lo stesso, davvero.

Cody



Giorgio Gaber - Il conformista


Discografia
1961: Giorgio Gaber
1964: Le canzoni di Giorgio Gaber
1964: Questo e quello
1965: Mina & Gaber un ora con loro
1968: L'asse d'equilibrio
1968: Sai com'è
1970: Sexus et politica
1970: Il Signor G
1971: I borghesi
1972: Giorgio Gaber e Enzo Iannacci
1972: Barbera e Champagne
1972: Dialogo tra un impiegato e un non so
1973: Far finta di essere sani
1974: Anche per oggi non si vola
1976: Libertà obbligatoria
1978: Polli di allevamento
1980: Pressione bassa
1980: Io se fossi Dio
1981: Anni affollati
1982: Il teatro di Giorgio Gaber
1983: Ja-ga brothers
1984: Gaber
1985: Io se fossi Gaber
1987: Piccoli spostamenti del cuore
1987: Parlami d'amore Mariù
1989: Il grigio
1992: Il teatro canzone
1993: Storie del Signor G
1994: Io come persona
1994: E pensare che c'era il pensiero
1997: Gaber 96/97
1998: Un idiozia conquistata a fatica. Gaber 97/98
1999: Un idiozia conquistata a fatica. Gaber 98/99
1999: Gaber 1999/2000
2001: La mia generazione ha perso
2003: Io non mi sento italiano
2004: Rock'n roll, amore e storie metropolitane

 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Titolo:
Commento: